CORONAVIRUS.

CORONAVIRUS.

ELETTRICITA’: MOVIMENTO CONSUMATORI CHIEDE IMMEDIATA RIDUZIONE DELLA BOLLETTA PER FAMIGLIE E PICCOLE IMPRESE

 

 

E’ necessario dare alle famiglie italiane un ulteriore aiuto economico nella difficile situazione che si è creata a causa dell’emergenza Coronavirus alla luce anche della notizia della forte riduzione del costo dell’energia elettrica e del gas comunicato ieri dall’Arera, legata ad una contrazione dei consumi e che potrà continuare nei prossimi mesi (-18,3% per luce e -13,5% per il gas sul trimestre precedente).

“La nostra richiesta – dichiara Ovidio Marzaioli, vice segretario generale MC – consiste nel temporaneo, ma necessario congelamento degli oneri generali nelle bolletta elettriche di quelle famiglie che sono in evidente difficoltà.

Analizzando le singole voci di spesa di una bolletta domestica che già tiene conto degli adattamenti Arera di ieri, si può facilmente arrivare con la sterilizzazione delle voci “oneri”, “accise” e “canone” ad una riduzione secca maggiore del 35% del totale che raggiunge due traguardi fondamentali: aiuto concreto alle famiglie in un momento tanto difficile e mantenimento dell’equilibrio del sistema energetico italiano nel suo complesso”.

“Sarebbe facile – conclude Marzaioli – intervenire chiedendo la sospensione tout court del pagamento delle bollette, ma la conseguenza di questo intervento si tradurrebbe nella creazione di nuove morosità di difficile gestione successiva oltre al collasso dell’intero sistema energetico e del mercato.

Intervenire solo su determinate componenti della bolletta elettrica, quali gli oneri, le accise e il canone, comporterebbe invece un beneficio diretto sulle tasche dei consumatori  senza disequilibri del sistema energetico.

Altro intervento urgente dovrebbe essere quello sulle piccole partite Iva e le micro imprese che necessitano come i consumatori, di un’azione di forte impatto per frenare gli effetti dello tsunami Coronavirus sull’economia”.